Otranto

CITTA’ DI OTRANTO

Otranto città fortificata, il cui borgo antico racchiuso dalle mura difensive che consentono tramite la Porta Alfonsina l’accesso al proprio interno, spesso è stata teatro di invasioni e conflitti mirati all’occupazione della zona, che per molto tempo ha rappresentato il centro commerciale del Salento.

Il Castello Aragonese, antica fortezza militare fu costruito tra il 1485 e il 1498 da Fernando I D’Aragona. Progettato da Ciro Ciri, ha una pianta pentagonale, cinta da un fossato di protezione, con tre torri cilindriche angolari. Un grande stemma posto sopra l’ingresso principale, ricorda l’appartenenza a Carlo V.

Il borgo antico, è caratterizzato da piccole stradine e vicoli, che costituiscono la parte antica e più caratteristica della città.

Passeggiando lungo queste stradine farete un salto in dietro nel tempo. I palazzotti, le caratteristiche case a corte, i cortili, le botteghe, rendono questo posto magico.

La Cattedrale di Santa Maria Annunziata, risalente al XI secolo conserva i resti dei Martiri d’Otranto. Ottocento fedeli durante l’invasione dei turchi, avvenuta nel lontano 1480 tentarono la resistenza non volendo rinnegare la propria fede. Il mosaico pavimentale, raffigurante l’Albero della Vita, raffigura alcuni episodi dell’Antico Testamento ed il cammino che l’uomo deve svolgere per purificarsi dal peccato originale e raggiungere la salvezza eterna; molti esperti ritengono questo capolavoro, l’Enciclopedia del Cristianesimo.

La Chiesetta di San Pietro, la chiesa più antica di Otranto, risalente presumibilmente al V secolo è caratterizzata da un’architettura bizantina a croce greca ed è famosa per gli affreschi che vi sono custoditi; la storia narra che da qui ci passò San Pietro durante il suo cammino dalla Palestina verso Roma, da qui il nome di Chiesa di San Pietro.

La costa ed il mare di Otranto

Lungo il tratto di costa ricadente nel Comune di Otranto, si trovano alcune delle spiagge più belle del basso Salento.

Baia dei Turchi, spiaggia di sabbia dorata e mare limpido fa parte del Parco Naturale dei Laghi Alimini. Visitare questo tratto di costa salentina, vi farà sentire come ai Caraibi.

La costa di Torre Sant’Andrea Torre dell’Orso, è caratterizzata da insenature che formano delle baie di rocce levigate, scolpite. Famosi i due faraglioni gemelli, denominati “Le due sorelle”. La leggenda narra che due donne, ammaliate dalla bellezza di questo tratto di mare, si gettarono nelle sue acque e gli Dei avendone compassione decisero di tramutarle in scogli, affinché potessero rimanere per sempre in quei luoghi.

Laghi Alimini (Alimini grande e Alimini piccolo) sono due bacini di acqua dolce l’uno, e salato l’altro. Sono alimentati da diverse sorgenti e circondati da una flora e da fauna incontaminata. Qui potrete trascorrere dei momenti indimenticabili a contatto con la natura.

Da visitare il faro della Palascia (il punto più ad est della penisola italiana), la cava di Bauxite anticamente utilizzata per l’estrazione di questo raro minerale, la Baia di Orte e la Torre del Serpe.

Otrantoultima modifica: 2016-10-19T19:51:26+00:00da Emanuele Colazzo